Info super importante!

Prima di partire per gli USA (o qualunque altra destinazione) non dimenticare di portare con te una buona polizza viaggio.
Ti aiuto io a scegliere quella giusta (con sconti super!)


L’Arizona è uno Stato degli USA che continua a riscuotere particolare successo tra i viaggiatori internazionali. Il principale motivo ci è suggerito dal soprannome con cui l’Arizona è maggiormente conosciuto nel mondo: Grand Canyon State. Tuttavia, oltre alla presenza del canyon più celebre del Pianeta, scavato dal fiume Colorado, l’Arizona ha tanto altro da offrirci: proviamo a scoprirlo insieme!

Qual è il periodo migliore per visitare l’Arizona?

Cominciamo con il comprendere quale sia il periodo migliore per visitare l’Arizona anche se, in fondo, non esiste un unico approccio per visitare lo Stato e, di conseguenza, non c’è un periodo che sia il migliore in assoluto per i viaggi in questo territorio.

Ad ogni modo, in genere i periodi considerati migliori per visitare l’Arizona sono la primavera (da marzo a maggio) e l’autunno (da settembre a novembre). In questi momenti in Arizona si può infatti trovare un clima particolarmente favorevole per poter trascorrere molto tempo all’aria aperta, senza il caldo torrido dell’estate o il freddo pungente dell’inverno.

Insomma, per andare incontro a temperature miti e basse probabilità di pioggia, è bene visitare Phoenix e l’Arizona centrale da novembre ad aprile. La regione settentrionale, che comprende Flagstaff, Sedona e il Grand Canyon, è meglio visitarla nelle stagioni di spalla – primavera e autunno – per il suo clima piacevole.

In caso di viaggio verso l’Arizona meridionale, compresa Tucson, il periodo migliore va da ottobre ad aprile, quando le temperature sono miti e le precipitazioni minime. L’Arizona orientale, che comprende le White Mountains, è ideale per le attività all’aperto da giugno a settembre, ma è sempre bene considerare che in questo frangente del calendario non mancano i temporali estivi.

Noleggiare l’auto In Arizona

Considerati gli ampi spazi che caratterizzano l’Arizona, è possibile che tu voglia trascorrere le tue vacanze qui con un’auto a noleggio che possa permetterti di spostarti più agevolmente tra le diverse attrazioni che contraddistinguono il Paese.

Ebbene, riuscirci non sarà certo difficile: aeroporti e principali città dello Stato USA dispongono infatti di numerose agenzie che ti metteranno a disposizione il veicolo che può meglio soddisfare le tue esigenze.

Il nostro consiglio è quello di programmare il noleggio auto quando sei ancora in Italia, prendendo contatti via web con l’agenzia. Per prenotare la tua auto sarà sufficiente una copia dei documenti di identità e una carta di credito con cui poter versare la caparra!

Cosa vedere in Arizona

Tutto ciò chiarito, nelle prossime righe cercheremo di condividere le migliori cose da vedere in Arizona, nella speranza che possano fungere da ideale spunto per organizzare il tuo prossimo viaggio in questo interessante Stato USA.

Grand Canyon

In questo elenco non possiamo che partire dal Grand Canyon, di gran lunga il simbolo più evidente dell’Arizona, una meraviglia naturale che è impossibile descrivere con le parole. Le sue pareti rocciose si estendono per oltre 440 km da un capo all’altro, e scendono per più di 1,5 km fino al fondo del canyon, dove il fiume Colorado continua a scolpire l’aspro paesaggio. 

Se hai poco tempo o preferisci ammirare i fantastici panorami dai punti pavimentati, sappi che il South Rim del Parco Nazionale del Grand Canyon è l’area di visita più popolare, con molti luoghi dove si può mangiare, fare shopping e pernottare negli hotel o nei campeggi della zona. 

La Grand Canyon Railway offre inoltre una divertente alternativa per le famiglie per una breve visita al canyon, organizzando viaggi di andata e ritorno da Williams al South Rim tutto l’anno, con una finestra di tre ore per vedere il canyon. Ci sono poi le escursioni annuali con il Polar Express, una grandissima e tradizionale attrazione delle festività natalizie.

Sebbene meno sviluppato, con meno servizi e ampie finestre di chiusura durante i mesi più freddi, il North Rim è aperto da maggio a ottobre e offre un modo unico e poco affollato di esplorare il Grand Canyon. Anche il Grand Canyon West può però essere fruito per le visite brevi: il suo Skywalk permette infatti ai visitatori di sporgersi oltre il bordo su un ponte di vetro che si libra sopra il pavimento del canyon. 

Non mancano infine i modi più immersivi e avventurosi per esplorare questa meraviglia naturale, con sentieri che conducono a ripidi tornanti che portano i visitatori nel cuore del canyon. Gli organizzatori offrono anche avventure di rafting nel Grand Canyon sul fiume Colorado, che possono durare da mezza giornata a due settimane. 

Infine, si possono citare anche i tour in elicottero, le escursioni a dorso di mulo e i percorsi in mountain bike. Insomma, avrai l’imbarazzo della scelta!

attrazioni arizona

Visitare il Grand Canyon

Come abbiamo ricordato qualche riga fa, per visitare il Grand Canyon puoi scegliere diverse alternative e ciascuna di esse ha delle specifiche indicazioni.

Per esempio, il South Rim del parco è ad esempio aperto 24 ore al giorno, 365 giorni all’anno, e comprende il Grand Canyon Village e il Desert View. La maggior parte dei servizi è disponibile tutto l’anno ma è sempre bene prenotare, soprattutto in primavera e in estate.

Si può poi visitare il Grand Canyon dal North Rim, che dispone di servizio come alloggi, ristoranti e campeggi che, però, chiudono durante la stagione invernale. Anche le strade sono chiuse per un’ampia porzione dell’anno, generalmente da dicembre a metà maggio. 

Monument Valley

Con le sue dimensioni colossali e sue viste panoramiche, la Monument Valley è uno dei paesaggi simbolo non solamente dell’Arizona, bensì di tutti gli Stati Uniti.

Situata al confine tra Utah e Arizona, la Monument Valley fa parte dell’Altopiano del Colorado e sebbene non sia ufficialmente un Parco Nazionale (si trova all’interno della Riserva della Nazione Navajo), gode oggi di grandissima tutela e attenzione.

Eppure, fino agli anni ’30 la Monument Valley era un luogo misterioso e raramente visitato: gli unici a conoscere davvero la bellezza di questo luogo erano gli indiani Navajo, che vivevano sul territorio. Fu solo quando John Ford inserì questo paesaggio nei suoi famosi film che la Monument Valley iniziò a conoscere una certa popolarità.

Visitare la Monument Valley

Sebbene sia possibile attraversare la Monument Valley in auto, visitando i siti principali in sole due o tre ore, se si vuole davvero esplorarla è bene valutare di trascorrervi almeno un giorno del proprio tempo.

D’altronde, come ci si renderà facilmente conto, la Monument Valley non è vicina a nulla ed ecco spiegato il perché sia rimasta fuori dai flussi turistici per così tanto tempo. L’aeroporto più vicino è quello di Flagstaff, a 280 km. Tuttavia, raggiungere questo aeroporto non è semplicissimo, perché di norma bisogna cambiare aereo a Phoenix.

Insomma, il modo più semplice (ma non rapidissimo) per andare nella Monument Valley è spesso quello di recarsi in auto partendo dalle principali città, considerando però che la tratta da Phoenix e da Albuquerque richiede circa 5 ore, e che se si vuole raggiungere la Monument Valley partendo da Las Vegas o da Salt Lake City bisogna mettere inconsiderazione almeno 6 ore. 

I tempi di percorrenza sono più ristretti se invece già ci si trova nelle prossimità delle città e dei parchi nazionali più vicini. Per esempio, si può raggiungere la Monument Valley in 1,5 o 2 ore se ci si trova a Four Corners Monument o Page, o 3 ore dal South Rim del Grand Canyon. 

Sedona

Un’altra grande attrazione dell’Arizona è Sedona o, meglio, le sue tipiche rocce rosse. A Sedona, però, ci sono in realtà tantissime cose che si possono fare, dalle escursioni al praticare yoga, dal meditare a fare un picnic, passando naturalmente per lo scalare le rocce, andare in mountain bike, osservare la natura e guardare il tramonto. La zona offre infatti centinaia di sentieri da esplorare, tutti con viste spettacolari.

Cosa vedere a Sedona

Sebbene sia difficile individuare cosa sia meglio fare a Sedona, non possiamo che citare il Blazin’ M Ranch, un’autentica città a tema western situata a Cottonwood. Qui sarà possibile trovare tante divertenti attività per famiglie e – per gli appassionati del genere – forse anche le migliori costolette dell’Arizona.

Si può poi scorgere la Grand Canyon Railway, la Ferrovia del Grand Canyon, da cui prenotare un tour in treno su una delle cinque classi di servizio del treno d’epoca per il Grand Canyon. Oppure, si può scegliere anche un pacchetto vacanza che include l’alloggio presso il Grand Canyon Railway Hotel e nella Grand Canyon Nation.

Tra le altre attrazioni citiamo ancora il parco faunistico Out Of Africa, situato a soli 40 minuti da Sedona…

Antelope Canyon

Se dopo gli spunti che sopra abbiamo proposto non vi siete ancora stancati di ammirare le bellezze naturalistiche dell’Arizona, allora il fascino dell’Antelope Canyon è quel che fa per voi e un primo sguardo qui ti farà capire cosa rende questo posto una delle destinazioni più ambite al mondo.

Con accesso consentito solo con una guida Navajo, l’Antelope Canyon è davvero un luogo unico al mondo: a mezzogiorno, per esempio, quando il sole splende a picco, i fasci di luce penetrano nel canyon illuminando le strette pareti di arenaria arancione e oro. L’effetto è quasi surreale e non potrai che scattare qualche foto da tenere sempre con te. 

Visitare l’Antelope Canyon

Visitare l’Antelope Canyon non è però semplicissimo. L’attrazione fa infatti parte del Lake Powell Navajo Tribal Park, situato a 10 minuti a est di Page, vicino al confine tra Arizona e Utah. Sebbene si tratti di un unico canyon, ci sono due punti all’interno del parco che puoi visitare: Upper Antelope Canyon e Lower Antelope Canyon.

L’Upper Antelope Canyon si trova a livello del suolo ed è l’ingresso più popolare, mentre il Lower Antelope Canyon richiede di scendere (e salire) diverse rampe di scale e scalette.

Da Phoenix, il viaggio verso nord per raggiungere l’Antelope Canyon dura circa quattro ore e mezza. Una volta arrivati, i tour possono durare fino a due ore se si tiene conto del parcheggio, del viaggio e del tempo effettivo trascorso nei canyon. Per questo motivo, molte persone scelgono di pernottare almeno una sera, approfittando degli alloggi locali.

Ricordiamo che l’Antelope Canyon è aperto tutto l’anno ma anche che la maggior parte delle persone cerca di visitarlo a metà giornata durante i fine settimana da marzo a ottobre, quando appaiono i c.d. pozzi di luce

Phoenix

Phoenix è una città molto interessante, un’area in rapida crescita nel mezzo del Deserto di Sonora, con tantissime cose da fare tra golf, locali notturni, sport, brillante patrimonio gastronomico, vibrante scena artistica e molto altro ancora. 

Inoltre, nonostante l’espansione e l’attrattività urbana, le meraviglie del deserto sono a portata di mano, o quasi. 

Cosa vedere a Phoenix

È difficile cercare di individuare alcune attrazioni che meritano di essere viste più di altre a Phoenix. Si può però partire con qualche curiosità come il Museo degli strumenti musicali, un vasto museo situato all’uscita dell’autostrada di North Phoenix, un vero e proprio inno alla musica mondiale. All’interno delle alte mura di arenaria del Musical Instrument Museum oltre 8.000 strumenti provenienti da circa 200 Paesi attendono i visitatori lungo le gallerie che si diramano da un corridoio centrale. 

Per chi ama i locali storici, il Century Grand è sicuramente al primo posto. Questo bar si trova in una lunga sala progettata per assomigliare a una lussuosa cabina ferroviaria di un secolo fa. Grazie a televisori strategicamente distanziati che trasmettono filmati sincronizzati di un paesaggio innevato di passaggio, al visitatore sembrerà essere in movimento e di attraversare le Montagne Rocciose. I cocktail preparati su questa sorta di treno non in movimento, sono tra i più innovativi e celebrati dell’Arizona. 

phoenix arizona cose da non perdere

Naturalmente, nell’elenco di cose da vedere a Phoenix c’è anche il Parco e la riserva di South Mountain, dove camminare, correre, andare in bicicletta o guidare. In città c’è poi anche l’Heard Museum, un museo nel centro di Phoenix che espone opere di popoli indigeni di tutto il mondo, ma con un’attenzione particolare al sud-ovest americano. L’obiettivo dichiarato della struttura è quello di permettere alle popolazioni indigene di tutto il mondo di raccontare le loro storie attraverso le loro parole, la loro arte e i loro manufatti.

Infine, citiamo tra le migliori cose da fare anche la visita al giardino botanico del deserto di Sonora, con tante specie vegetali che sarà difficile vedere altrove, come il cactus Saguaro, il cactus a canne d’organo e molto altro ancora.