myusa.it
guida viaggio atlanta
dove sei: Home » Guide USA » Atlanta

Guida di Viaggio ad Atlanta

Torna alle Guide USA 

Viaggio ad Atlanta, Georgia

 

Atlanta, modernità nel profondo sud

Atlanta non è la classica cittadina sonnacchiosa del profondo sud, dove la vita è scandita dalla calura del pomeriggio e gli abitanti hanno un passo decisamente più lento di quello dei loro compatrioti che vivono nelle grandi metropoli produttive del nord. E’ una città, vivace, dinamica, quasi in stridente contrasto con le sue pur grandi sorelle della Georgia, dell’Alabama, del Mississippi e della Louisiana.

Informazioni utili

Non ci sono problemi di sorta nel raggiungere Atlanta: il suo aeroporto è fra i più grandi del mondo mentre è stabilmente in testa alle classifiche americane per numero di viaggiatori ormai da anni. Chi preferisce raggiungere la città in auto potrà invece usufruire del fatto che storicamente Atlanta è sempre stato un importante nodo di scambio, ed è quindi raggiungibile mediante numerose Interstate.
A causa della sua distanza dal mare non gode di un clima particolarmente mite: le estati son calde mentre gli inverni estremamente rigidi. Io ci sono andato per il ponte del Ringraziamento (fine novembre), provenendo dalle miti e soleggiate giornate di New Orleans, e sono letteralmente congelato!

La città di Atlanta

Come tutte le grandi metropoli americane, Atlanta offre una serie di musei storici e d’arte particolarmente interessanti, con ampie collezioni organizzate in vaste aree espositive: lo High Museum of Art, l’Atlanta History Center, il Fernbank Natural History Museum e la Jimmy Carter Library and Museum valgono tutti una visita.
Tuttavia le attrazioni peculiari della città sono altre.

Chi è amante del mondo della televisione non potrà non visitare gli studi della famosissima emittente televisiva CNN, che ha la sua sede principale proprio ad Atlanta attratta, come tanti multinazionali che hanno eletto la città georgiana come sede principale, dalla facilità di collegamento con tutto il mondo offerta dal suo sconfinato aeroporto. La visita deve essere prenotata in anticipo.

Chi invece preferisce uno sguardo sulla storia americana più recente, con patrocinar riferimento ammonimenti per i diritti umani e per l’emancipazione degli “african-american”, un fenomeno tuttora di grande attualità, può recarsi a rendere omaggio alla tomba di Martin Luther King presso il Martin Luther King Jr National Historic Site. Qua, in un’atmosfera estremamente suggestiva, si visitano la sua casa natale, la chiesa dove predicava e si sosta in doveroso silenzio si fronte alla sua tomba. E’ un luogo denso di significati, ed è un luogo che fa pensare: Martin Luther King fu assassinato perché era diventato tropo scomodo, e particolarmente scomodo lo è anche in questo periodo storico in cui la Casa Bianca è retta dal primo presidente di colore, che ha basato parte della sua campagna elettorale proprio sull’essere colui che intendeva proseguire sul camino tracciato dal reverendo King.
Va dato atto a Martin Luther King di avere fatto davvero tanto per i diritti delle persone di colore, ma quanto deve essere ancora fatto in una nazione in cui i ceti più poveri sono composti in gran parte da persone di colore, formalmente libere ma di fatto schiave della povertà in una nazione in cui la povertà è una colpa e non una disgrazia?

Il Centennial Olympic Park è un luogo dove rilassarsi nel ricordo delle Olimpiadi che furono ospitate qua nel 1996. Si trova molto vicino ad altre due attrattive estremamente interessati, adiacenti al punto da condividere lo stesso parcheggio e la stessa area antistante a comune fra loro.

Il World of Coca Cola è il museo della bevanda simbolo dell’America nel mondo, tanto odiata e vituperata quanto consumato in miliardi di litri ogni giorno (al punto che negli Stati Uniti costa meno dell’acqua minerale). Ne ripercorre la storia sicuramente gloriosa dal punto economico fin da quando venne “inventata” come medicinale, è estremamente gradito ai bambini per via delle aree loro dedicate e offre un assaggio gratuito di tutte le bevande prodotte dalla Coca Cola Company nel mondo, e sono davvero tante, nonché una bottiglia di Coca Cola in serie speciale per il museo. Dopo la visita, che non richiede un tempo eccessivo, si esce passando attraverso il negozio di merchandising della Coca Cola, nel quale resistere alla tentazione è una sofferenza inutile perché la capitolazione è immancabile. Insomma, un museo che va visto perché volente o nolente la Coca Cola è un mito suo malgrado.

Proprio di fronte si trova il Georgia Acquarium. Di acquari simili ve ne sono molti in tante altre città americane, ma quello di Atlanta è l’unico acquario americano a ospitare degli esemplari di squalo balena, il pesce più grande del mondo con i suoi oltre 5 metri di lunghezza. La vasca dedicata è immensa e i pesci vi nuotano lentamente con un incedere talmente maestoso e regale da lasciare senza fiato. La musica di sottofondo contribuisce ad amplificare al massimo la sensazione di trovarsi di fronte a un animale straordinario, e confesso di avere trascorso quasi 30 minuti di fronte all’immenso vetro per rivedere e rivedere ancora lo spettacolo del pesce che avanzava sicuro nelle acque azzurre.Per uno come me già questa vista straordinaria valeva le fatiche del viaggio.

Insomma, si va ad Atlanta per godere di una città moderna e dinamica, di una faccia diversa del grande sud.

Marco Scandali

[mappress mapid=”19″]

2 commenti

Vuoi ricevere informazioni utili, sconti riservati e materiale super per pianificare i tuoi viaggi in USA? Iscriviti, odiamo lo spam quanto te!

Cliccando su "Voglio i Consigli di Viaggio!" , autorizzi myusa.it nella persona di Andrea Tobanelli al trattamento dei Suoi dati nel pieno rispetto del D.lgs 196/2003. Non riceverai mai spam.

Responsabile Contenuti

Andrea Tobanelli

Adoro viaggiare, soprattutto negli Stati Uniti che sono da sempre la mia meta preferita. Nel 2009 ho deciso di fondare myusa.it per aiutare tutti coloro che desiderano organizzare una visita negli USA!

Seguimi Su

Vuoi chiedere informazioni e consigli oppure raccontare il tuo viaggio in USA? Iscriviti al nostro gruppo privato su Facebook!

Vai al Gruppo Facebook!