myusa.it
guida viaggio chicago
dove sei: Home » Guide USA » Chicago

Chicago: guida di viaggio

Torna alle Guide USA 

Una guida completa alla scoperta della Città del Vento

 

Chicago è indiscutibilmente una delle mie città preferite, non solo nel panorama delle metropoli americane ma a livello mondiale. E vi assicuro che sono stato così fortunato da visitarne davvero tante.
Marco

E’ una città caotica, piena dei problemi che affliggono le grandi metropoli di tutto il mondo, che va vissuta intensamente, che va assaporata nelle sue molteplici espressioni, in cui l’umanità frenetica che la abita è parte integrante dello spettacolo che va in scena giornalmente. Uno spettacolo a volte monotono, a volte esaltante, ma sempre indiscutibilmente vero e dinamico.

Scopriamola insieme.

Chicago è la più grande città del’Illinois, uno degli stati americani che si affacciano sui grandi laghi del nord al confine con il Canada. Dopo New York City e Los Angeles è la terza città più popolosa degli Stati Uniti, con 2,7 milioni di abitanti. Se si considera l’intera area metropolitana, la cosiddetta Chicagoland, gli abitanti sono circa 10 milioni.

Fu fondata nel 1833, una delle prime città della grande espansione verso Ovest. E’ da sempre una delle grandi città industriali degli Stati Uniti, in cui vivi una forte comunità polacca. Molti la ricordano tristemente per le lotte di mafia che insanguinarono le sue strade durante il proibizionismo: proprio a Chicago Al Capone, il celebre gangster, fece uccidere tanti dei suoi acerrimi rivali in quello che è passato alla storia come il “massacro di San Valentino”.

chicago visitare

E’ adagiata sulla sponda meridionale del lago Michigan, che tanta parte ha avuto nella storia di questa incredibile città. Chicago ne rappresenta il principale nodo di interscambio grazie alle tante Interstate che la raggiungono, il terminale per il trasporto delle merci che avviene attraverso il vastissimo lago. Ad esempio la città può essere raggiunta da New York percorrendo la I-80 per circa 1300 km, ma in definitiva si può raggiungere agevolmente da tutte le direzioni a patto di disporre della necessaria pazienza nell’affrontare il suo traffico infernale lanciato a velocità ben superiori al limite. Chicago può rappresentare un’ottima tappa intermedia per un avvincente coast to coast anche grazie al fatto che la celebre Route 66, la famosissima “strada madre” così importante nella cultura americana e popolare in tutto il mondo, nasce proprio a Chicago per terminare a Los Angeles, dall’altra parte del continente, dopo circa 4000 avvincenti km attraverso l’intera America.

Chicago dispone ovviamente di un grande aeroporto internazionale (O’Hare International Airport), il secondo scalo più trafficato al mondo dopo Atlanta, che si raggiunge con voli diretti dai principali aeroporti italiani. Esiste anche un aeroporto secondario.

Quando andare

Chicago offre il meglio di sé in estate. La vicinanza al Canada e l’assenza di qualsiasi protezione orografica dalle fredde correnti nordiche le hanno fatto meritare l’appellativo veramente appropriato di “Windy City”, la città ventosa. E non si tratta di venti caldi, anzi! Noi siamo andati ad aprile inoltrato, durante l’interruzione scolastica dello Spring Break, e abbiamo sofferto di temperature che la sera arrivavano tranquillamente allo 0° rese ancor più fastidiose dal famoso vento. Non è un caso che uno dei pericoli principali per i pedoni e per le auto sia dato dalla caduta del ghiaccio dai grattacieli, staccato dai forti venti, al punto che svariati e inequivocabili avvertimenti sono piazzati in prossimità dei palazzi considerati “più a rischio”. A ben poco serve l’affaccio sul lago che , teoricamente, dovrebbe mitigare il clima.

chicago viaggio

Purtroppo il ghiaccio che si stacca e vi cade sulla testa non è l’unico pericolo che si corre a Chicago. La città ha una cattiva reputazione di estrema pericolosità nelle aree più esterne. Memore di questo mi sono fatto consigliare, per la mia visita, da un collega nato e cresciuto proprio a Chicago. La sua risposta è stata lapidaria: non lasciare mai le zone centrali della città. Purtroppo la recente crisi economica ha acuito quelle tensioni sociali che comunque hanno sempre caratterizzato la città, oggetto nel passato di una massiccia immigrazione dagli stati meridionali alla ricerca di lavoro che non è mai stato sufficiente a soddisfare le esigenze di tutti (dal 1910 al 1930 la popolazione di colore passò da 44.000 persone a oltre 230.000).

Il fatto che un americano, comunque abituato a convivere con livelli di violenza quotidiana che fanno impallidire noi europei, abbia voluto avvisarmi in maniera così chiara, significa che è essenziale seguire il  consiglio che ho ricevuto. E lo stesso suggerisco a voi: il centro della città, mantenuto in condizioni di assoluta sicurezza, offre già tante e tali attrazioni che non c’è bisogno di andare ad avventurarsi nei ghetti delle zone più periferiche e degradate.

2 commenti

  • ciao, grazie per le informazioni, dato che andro’ in agosto a chicago, volevo chiederti se e’ una zona sicura andare a visitare lo united center , palazzetto dove giocano i chicago bulls e se e’ tranquilla la zona di winnekta. grazie per l informazione. ciao

Responsabile Contenuti

Andrea

Adoro viaggiare, soprattutto negli Stati Uniti che sono da sempre la mia meta preferita. Nel 2009 ho deciso di fondare myusa.it per aiutare tutti coloro che desiderano organizzare una visita negli USA!

Seguimi Su

Vuoi chiedere informazioni e consigli oppure raccontare il tuo viaggio in USA? Iscriviti al nostro gruppo privato su Facebook!

Vai al Gruppo Facebook!