myusa.it
filadelfia viaggio guida
dove sei: Home » Guide USA » Filadelfia

Guida di Viaggio Filadelfia

Torna alle Guide USA 

Visitare Philadelphia, Pennsylvania: guida di viaggio

Patrimonio dell’Umanità UNESCO, Philadelphia è una delle città più antiche degli Stati Uniti, e rappresenta sicuramente  uno dei luoghi sacri per gli americani. E’ qui, infatti, che nel 1776 venne firmata la Dichiarazione d’Indipendenza, e poi Philadelphia divenne la prima capitale dei neonati Stati Uniti, prima che Washington venisse progettata per essere la grande capitale neoclassica degli USA. A Philadelphia si respira storia, recente secondo il metro di misura europeo ma sicuramente significativa per i destini del mondo moderno.

E per coloro che non sono soggiogati dal fascino delle vestigia storiche, Philadelphia è anche la città dell’indimenticato personaggio di Rocky Balboa  nonché il luogo dove è ambientato il famoso film denuncia sull’AIDS Philadelphia, con Tom Hanks e Denzel Washington.

Informazioni utili su Philly

Philadelphia è una delle più grandi metropoli degli stati uniti, potendo contare sul oltre 1,5 milioni di abitanti che arrivano a essere circa 6 milioni se si considera l’intera area metropolitana. Storicamente è sempre  stato uno dei più importanti porti degli Stati uniti, primato che mantiene tutt’oggi.

Philadelphia dispone di un proprio aeroporto internazionale e si pone in posizione baricentrica fra New York da un lato e il grande agglomerato Washington-Baltimora dall’altro, tutte località che si raggiungono facilmente in treno o in auto (in questo caso però deve essere messo in conto un traffico delirante che si snoda fra le 4 grandi metropoli).

Considerata la distanza relativamente breve da Washington DC, la mia città adottiva, l’ho visitata più volte. Ovviamente bisogna tenere conto che gli inverni, in questa città, possono essere abbastanza rigidi.

philadelphia guida

Visitare Philadelphia

Il baricentro della città è sicuramente l’Indipendence Mall, la zona storica dove passeggiare fra le case antiche, perfettamente restaurate, assaporare le atmosfere classiche e visitare i luoghi simbolo della rivoluzione. Il principale è sicuramente la Indipendence Hall, la sala dove fu firmata la Dichiarazione d’indipendenza e dove fu poi redatta la Costituzione degli Stati Uniti. E’ tuttora perfettamente conservata e arredata con mobili originali: bisogna entrarvi e immaginare la scena, immaginare i firmatari dubbiosi e impauriti che in uno slancio d’impeto vincono le loro lecite remore e scrivono una delle pagine più memorabili della storia moderna, la prima scissione dall’invincibile Impero Inglese.

A poca distanza si trova la celebre Liberty Bell, la campana della libertà, il simbolo stesso della Rivoluzione incrinatasi irrimediabilmente nel 1847 e da allora conservata come la più sacra delle reliquie, seconda forse solo ai documenti originali del National Archives a Washington. Il revival della rivoluzione si completa visitando la Second Bank of the US, dove sono esposti molti ritratti originali dei protagonisti di quella impresa che stupì il mondo intero.

Fairmount Park è uno degli angoli che preferisco di Philadelphia. Si tratta di immenso polmone verde di circa 3600 ettari, adagiato lungo la riva sud del fiume Schuylkill, dove trascorrere ore rilassanti lontani dal traffico della grande metropoli. Che si attraversi in auto o in bicicletta, nell’apoteosi di colori e profumi della primavera o nella struggente malinconia dell’autunno  offre sempre angoli romantici e costruzioni strabilianti: una visita la merita sicuramente l’eccentrico  Japanese Pavillion mentre i più piccoli non potranno non apprezzare il gigantesco Children Museum, uno dei più grandi fra quelli che ho visto negli Stati Uniti, ubicato all’interno di una splendida costruzione in stile Liberty vivace e luminosa.

Impressionante il Philadelphia Museum of Art. Immenso, in posizione leggermente rialzata rispetto alla piazza su cui si affaccia, è celebre per avere prestato la sua imponente scalinata ai film di Rocky, e molti turisti ne ripercorrono tutt’oggi le gesta. Ma l’intero gigantesco edificio, in pietra bruna e poco adorno di finestre, severo all’esterno e tetro all’interno, offre molto di più: una vista incomparabile dallo spiazzo antistante la scalinata, da cui apprezzare l’ordinata urbanistica di quella zona della città, e una serie di collezioni veramente interessanti ospitate in quello che sembra allo stesso tempo un labirinto intricato in cui perdersi, e un tempio alla cultura. Un posto dove passare un giorno intero.

philadelphia viaggio

La celebre statua di Rocky, elemento centrale in Rocky 3 e una colta ubicata proprio in cima alla scalinata, adesso si trova in un giardinetto alla base del museo ed è una tappa fotografica obbligata. Ma chi vuole può anche partecipare ai tour dedicati ai luoghi simbolo della fortunata serie di film.

E alla sera, dopo tanto camminare, si deve trovare il chiosco giusto e gustare la celebratissima Philly Steak, un vero e proprio vanto cittadino che poi altro non è che un panino di carne e formaggio (oltre e numerosi altri ingredienti) oltretutto ideata da un italo americano negli anni ’20, Pat Olivieri. Probabilmente banale ma sicuramente gustosa, e senza dimenticare il contorno di patate fritte e l’immancabile bevanda gassata (“soft drink”, come la chiamano qua) a completare l’ipercalorico quadretto.

Normalmente non si parte per gli States con l’obiettivo di concentrarsi solo su Philadelphia, ma la sua visita viene compresa in tour più ampi che ognuno organizza e costruisce come meglio crede. Non molto lontano da Philly troviamo innanzitutto la Big Apple, New York City, a soli 160 km. Washington D.C., la bella capitale degli USA è a circa 210 km in direzione sud; Harrisburg (PA), sede del più antico municipio d’america nonché capitale dello stato della Pennsylvania dista circa 170 km in direzione ovest; da segnalare infine, Lancaster, piccola comunità rurale persa nelle verdi campagne della Pennsylvania che ospita una delle più grandi comunità di Amish di tutti gli States!

Aggiungi un commento

Responsabile Contenuti

Andrea

Adoro viaggiare, soprattutto negli Stati Uniti che sono da sempre la mia meta preferita. Nel 2009 ho deciso di fondare myusa.it per aiutare tutti coloro che desiderano organizzare una visita negli USA!

Seguimi Su

Vuoi chiedere informazioni e consigli oppure raccontare il tuo viaggio in USA? Iscriviti al nostro gruppo privato su Facebook!

Vai al Gruppo Facebook!