route 66 viaggio
dove sei: Home » Un viaggio nella Route66

Un viaggio nella Route66

La U.S. Route 66 o comunemente chiamata “Route 66” è una strada statunitense inaugurata l’11 novembre 1926, che alla sua nascita univa la città di Chicago a quella di Santa Monica, toccando nel suo percorso numerosi stati come Illinois, Missouri, Kansas, Oklahoma, Texas, Nuovo Messico, Arizona e California, per una distanza complessiva di 3.755 km. Oggi, dopo essere stata una strada a forte scorrimento, soprattutto per coloro che volevano emigrare verso Ovest, è conosciuta con il nome di “Historic Route 66”.

Preferita dai camionisti perché caratterizzata da un tracciato pianeggiante che facilitava il loro viaggio, la strada attraversava tanti piccoli paesi, in cui venivano favorite le installazioni di stazioni di servizio, ristoranti e carrozzerie, utili per chi sarebbe passato da quelle parti, aumentando così il traffico automobilistico. La Route 66, originariamente in terra battuta, venne asfaltata nel 1938. Uno dei suoi punti più pericolosi è quello intorno alle famose Black Mountains in Arizona, colmo di tortuosi tornanti.

Negli anni ’50, la Route 66 venne scelta come “strada delle vacanze”, per chi aveva il desiderio di soggiornare nella mitica città di Los Angeles, patria del divismo cinematografico. La Route 66 attraversava inoltre il Painted Desert o Deserto dipinto, l’ormai noto Grand Canyon, meta indiscussa di innumerevoli film western, interpretati tra gli altri dall’indimenticabile John Wayne, e il Meteor Crater o cratere meteoritico dell’Arizona. La Route 66, grazie alla sua enorme popolarità, ebbe anche il merito di incrementare il turismo, facendo nascere attrazioni commerciali lungo tutto il suo tragitto. Da menzionare, i motel a forma di “tepee” o “capanna indiana”, negozi che vendevano artigianato tipico pellerossa, e fattorie che avevano la singolare caratteristica di allevare rettili.

Continuando questa stravagante carrellata, troviamo ancora il Meramec Caverns, locale vicino a San Louis, probabile nascondiglio del famigerato bandito chiamato Jesse James, il Big Texan, ristorante dove veniva offerta una cena con bistecca da 2 kg se si riusciva a mangiarla entro un’ora, il Red Giant Hamburgs di Springfield, nel Missouri, primo drive-in, e il primo McDonald’s a San Bernardino.
Infine, la casa automobilistica della General Motors ha omaggiato la Route 66, con l’originale trovata del “Cadillac Ranch”, ad Amarillo (Texas), rimasto nella storia degli Stati Uniti ma non solo, per la presenza di dieci cadillac d’epoca conficcate nel terreno in senso diagonale.

Adoro viaggiare, soprattutto negli Stati Uniti che sono da sempre la mia meta preferita. Nel 2009 ho deciso di fondare myusa.it per aiutare tutti coloro che desiderano organizzare una visita negli USA!

Aggiungiti alla discussione