jack kerouac beat
dove sei: Home » Jack Kerouac e la Beat Generation

Jack Kerouac e la Beat Generation

La Beat Generation è stata una corrente artistica, poetica e letteraria sviluppatasi negli Stati Uniti, precisamente a San Francisco, tra il 1947 e la fine degli anni ’50. Il termine “beat” può assumere diversi significati, può essere inteso come ribellione verso la società, che impone all’individuo qualche cosa, che lo costringe a seguire regole di vita prestabilite senza la libertà di poter scegliere. Il beat è il forte richiamo verso il misticismo, lo spiritualismo Zen, il consumo delle droghe più svariate, dell’alcol, del bisogno di soddisfare velocemente i propri istinti sessuali, e della necessità di parlare in continuazione di qualsiasi argomento, concetto, fatto, che la mente possa racchiudere, dando libero sfogo ai propri pensieri.

Il beat è anche battito, ritmo, quello della musica jazz, quello della cadenza dei versi nelle poesie, beat è la scoperta di se stessi, dei valori umani, della coscienza collettiva. I beat sono i giovani scrittori, che desidererebbero condividere con chiunque il loro amore per il tutto, e invece si sentono degli incompresi. Il movimento beat è il sogno di un gruppo di persone appassionate di letteratura e stanche del mondo in cui vivono, delle imposizioni forzate e dei tabù. I beat o “beatnik” aspirano a viaggiare fino a dove possono arrivare, non per scappare dalle responsabilità, ma per decidere di loro spontanea volontà come vivere.

I temi trattati dal movimento beat riguardano in modo molto più enfatizzato, la contestazione giovanile e l’aperta critica verso la guerra del Vietnam, la segregazione razziale dei neri, l’inferiorità del sesso femminile nei confronti di quello maschile e le discriminazioni riguardanti l’orientamento sessuale. I beat scrivono di viaggi mentali e fisici, i primi intrapresi attraverso l’utilizzo di sostanze stupefacenti come L’LSD, i secondi invece fatti “coast to coast” attraverso le strade americane, come quelli descritti nel manifesto della beat generation e famoso romanzo pubblicato nel 1957, intitolato “Sulla strada” di Jack Kerouac, scrittore e poeta statunitense, massimo esponente di questa corrente.

 Jack Kerouac (Lowell, 12 marzo 1922 – St. Petersburg, 21 ottobre 1969) è considerato “il papà dei beatnik”, vera e propria fonte d’ispirazione per artisti come ad esempio il grande Bob Dylan. Nei suoi scritti possiamo percepire la fortissima convinzione, di volersi liberare dalle convenzioni sociali del tempo e di dare un senso alla sua esistenza, ricercato attraverso la marijuana, l’alcol, la religione e i suoi viaggi. Kerouac si considerava un poeta jazz, appassionato dell’amore carnale, a detta sua “porta del Paradiso”, e contrario alla vita e carriera militare. La Beat Generation, creatura di Kerouac, ispirò inoltre i movimenti pacifisti e quelli del 1968. Tornando al suo più grande successo, “Sulla strada” è caratterizzato da particolareggiate descrizioni, visioni di paesaggi mozzafiato e senso di libertà smisurata del viaggio, come fuga, isolamento, ricerca e scoperta di sé. Lo stile innovativo di Kerouac è detto “prosa spontanea”, senza regole apparenti e con princìpi fondamentali che si basano sulla libertà mentale, da cui poi estrapolare quella del linguaggio.

“Una macchina veloce, l’orizzonte lontano e una donna da amare alla fine della strada”. (Jack Kerouac)

Adoro viaggiare, soprattutto negli Stati Uniti che sono da sempre la mia meta preferita. Nel 2009 ho deciso di fondare myusa.it per aiutare tutti coloro che desiderano organizzare una visita negli USA!

Aggiungiti alla discussione