hotel stravaganti usa
dove sei: Home » Gli hotel più stravaganti d’America

Gli hotel più stravaganti d’America

Se vi interessa effettuare soggiorni un po’ particolari, nei vostri amati Stati Uniti e zone limitrofe, forse è bene sapere che esistono luoghi di villeggiatura e sistemazioni alberghiere al limite dell’incredibile, in grado di rendere il vostro viaggio davvero indimenticabile…

Iniziamo con il Crowne Plaza Hotel, collocato nel centro di Indianapolis (Stato dell’Indiana), storico albergo situato all’interno di una delle prime stazioni ferroviarie del paese. L’hotel dispone di ristorante, ilPullman’s Restaurant, che serve piatti tradizionali della cucina americana, di 275 camere climatizzate e arredate con TV via cavo, scrivania e macchinetta del caffè, alcune delle quali sistemate in un vagone rinnovato stile anni ’20, di una piscina coperta e una palestra ben attrezzata, e di connessione Wi-Fi gratuita disponibile presso la struttura ricettiva. Il Crowne Plaza Hotel è all’indirizzo 123 di West Louisiana Street. Il secondo albergo di questo strano ed affascinante elenco è il Queen Mary Hotel a Long Beach (Stato della California), celebre nave da crociera trasformata in museo, ristorante, il Sir Winston’s, specializzato in cucina gourmet californiana, e hotel galleggiante. Il Queen Mary dispone inoltre di un centro benessere, di 314 cabine con TV satellitare a schermo piatto, docking station per iPod e area soggiorno, di negozi, di una spaziosa terrazza e solarium, di una sala giochi e strutture fitness e infine del Chelsea Chowder House & Bar, che propone piatti di pesce fresco. Il Queen Mary Hotel è al 1126 di Queens Highway.

Proseguendo, il terzo albergo stravagante è quello denominato Ice Hotel, situato in Quebec (Canada). Conosciuto in lingua francese anche come Hotel de Glace, l’Ice Hotel è il primo albergo di ghiaccio del Nord America, che ha aperto ufficialmente i battenti in occasione del Capodanno del 2001. Il complesso turistico è caratterizzato da 85 camere arredate con coperte di pelliccia e sacchi a pelo imbottiti, dove gli unici vani riscaldati sono i bagni, situati in zone separate. Costruito con un’intelaiatura di metallo, l’Ice Hotel è fatto di 15.000 tonnellate di neve e 500.000 tonnellate di ghiaccio, con pareti che raggiungono i 4 metri di spessore. Provvisto di una suggestiva cappella dove si celebrano matrimoni, l’Ice Hotel è costituito ancora da una galleria d’arte, un Ice Café, un night-club, un cinema e delle vasche idromassaggio all’aperto. L’Ice Hotel è al 9530 di Rue de la Faune. Il Dog Bark Park Inn invece, è un B&B a forma di Beagle, che si trova a Cottonwood (Stato dell’Idaho). Vi si accede tramite il secondo piano, la cui camera dispone di un letto decorato con 26 cani scolpiti nel legno. Al piano superiore, nella testa del cane, è presente un’altra stanza molto spaziosa e nel muso un’accogliente camera matrimoniale. La colazione è a base di dolci fatti in casa, frutta fresca, formaggi e bagel (le tipiche ciambelle americane). In prossimità del B&B, è possibile effettuare diverse attività ludiche, come il tour in jet boat del vicino Hell’s Canyon, il rafting nel Salmon River o la visione di un film all’aperto al Grangeville’s Sunset Auto View, uno dei pochi drive-in ancora in funzione. Infine, se soggiornate al Dog Bark Park in compagnia del vostro amico a quattro zampe, non dimenticatevi di farvi scolpire una riproduzione in legno del vostro cane. Il Dog Bark Park Inn è al 2421 di Business Loop 95.

Il quinto albergo che vale la pena citare è lo Jules Under Sea Lodge, a Key Largo (Stato della Florida). Inaugurato nel 1986, la sua particolarità è quella di essere un hotel sottomarino, situato a 9 metri di profondità dalla superficie del mare, e quindi raggiungibile solo tramite immersioni subacquee dei propri clienti. Lo Jules Under Sea Lodge è al 51 di Shoreland Drive Mile Marker 103.2. Il Kokopelli’s Cave B&Binvece, è una grotta-albergo di Farmington (Stato del New Mexico), provvista di tutte le più comuni comodità, costituita da una sola stanza decisamente incantevole, in quanto intagliata nella roccia. Il nome del posto, dal quale si gode una vista magnifica, è legato a una divinità preistorica della tribù indiana dei Navajo, e la colazione rigorosamente a buffet, prevede frutta, caffè e pasticcini. Il Kokopelli’s Cave B&B è al 5001 di Antelope Junction. Il settimo albergo del quale accennare è il Wigwam Motel di San Bernardino (Stato della California). Collocato sulla storica Route 66, il Wigwam Motel offre 19 camere a forma di tepee, con servizi moderni quali aria condizionata, frigorifero, set da stiro, TV via cavo e connessione Wi-Fi gratuita. Alcune di queste poi, hanno letti con testiera a forma di ruota di carro, oppure una zona salotto aggiunta. Il motel dispone infine di piscina all’aperto, attrezzatura per il barbecue e una reception aperta 24 ore su 24. Il Wigwam Motel è al 2728 di West Foothill Boulevard.

Concludendo il nostro viaggio attraverso gli hotel più originali d’America, merita sicuramente un pernottamento, il Free Spirit Spheres, che si trova sulla Vancouver Island (Canada). L’albergo è formato da 3 sfere sospese sugli alberi, Eve, fatta di legno di cedro e larga 2,8 mt di diametro, Eryn, fatta in Sitka Spruce, un legno simile al nostro pino classico, e dal diametro di 3,2 metri, quindi adatta per 3 persone (letto matrimoniale, terzo letto, piccolo lavandino, piccolo frigo e un ambiente dove poter mangiare) e Melody, fatta in fibra di vetro e più accessoriata. Il Free Spirit Spheres è al 420 di Horne Lake Rd Quallicum Beach. L’ultimo celebre e caratteristico albergo è quello del memorabile romanzo “Shining” di Stephen King, poi trasposto su grande schermo dal regista Stanley Kubrick. L’ambientazione di questa pellicola horror, proviene da ben tre edifici, che sono lo Stanley Hotel in Colorado, dove King ha scritto il libro, il Timberline Lodge/Overlook Hotel a Portland (Oregon), dove sono state effettuate le riprese esterne del film omonimo, e l’Ahwahnee Hotel in California, utilizzato per le riprese in interni.

Adoro viaggiare, soprattutto negli Stati Uniti che sono da sempre la mia meta preferita. Nel 2009 ho deciso di fondare myusa.it per aiutare tutti coloro che desiderano organizzare una visita negli USA!

Aggiungiti alla discussione