dove sei: Home » Al cospetto delle Sequoia

Al cospetto delle Sequoia

Ammirare una sequoia è un’esperienza che tutti dovrebbero avere la possibilità di provare, nella vita: io sono stato così fortunato da averla.

Non si deve pensare di trovarsi di fronte a un “semplice” albero, perché non è così: ci si trova davanti agli esseri viventi più grandi del pianeta, così longevi da poter raccontare la storia del mondo, così maestosi da incutere un rispetto profondo perché esistono, sono esistiti e sempre esisteranno. Non è come trovarsi di fronte a un monte antichissimo: una sequoia respira, cresce, soffre e a volte muore, una sequoia vive.

Per essere ammessi al loro cospetto si deve andare in California, perché questi esseri crescono solo nelle zone più appartate di quell’angolo di mondo, allo Yosemite o al Sequoia National Park. Si devono percorrere strade impervie, affrontare tornanti su tornanti e rallentare fino a d’uomo, ma è il prezzo da pagare per accedere al loro santuario.

Poi eccole, nascoste e discrete in mezzo alle altre conifere, senza esibizionismi e senza clamori: non si addice al loro stile fatto di millenari silenzi. Le guardi, le ammiri, le conosci a poco a poco, scopri il segreto della loro longevità (la corteccia assolutamente impenetrabile, che riesce a difendere l’albero da ogni agente esterno), rimani sbalordito della loro maestosità. Poi smetti di parlare e inizi ad ascoltarle: prima ne percepisci il respiro lento, poi inizi a sentire la voce melodiosa che racconta le sue storie senza tempo e ti perdi a immaginare come sia cambiato il luogo in cui ti trovi nel corso dei millenni mentre loro rimanevano ferme, sacre e inviolabili nel loro posto.

E quando te ne vai, rifletti su quello che hai visto e ascoltato, rifletti e ti senti davvero piccolo e insignificante, rifletti e ti senti un bambino in confronto a chi davvero sa che cosa possa significare essere adulto.

Io ci penso ancora adesso.

DSCF1623

 

 

Adoro viaggiare, soprattutto negli Stati Uniti che sono da sempre la mia meta preferita. Nel 2009 ho deciso di fondare myusa.it per aiutare tutti coloro che desiderano organizzare una visita negli USA!

Aggiungiti alla discussione