• Search
Viaggi Indimenticabili negli USA

NYC: Drink clandestini negli speakeasy

dove sei: Home » NYC: Drink clandestini negli speakeasy
andrea assicurazioni

Negli ultimi anni New York ha riscoperto gli speakeasy : gli affascinanti locali segreti nei quali venivano serviti alcolici durante gli anni del proibizionismo. Ciò che differenzia questi bar, oltre alle location stravaganti e nascoste, è l’atmosfera che li inebria: sembra di essere stati catapultati nei ruggenti anni ’20 e di vivere una vera e propria esperienza in stile Grande Gatsby.

Inutile dire che per avventurarsi in questi locali occorre essere bene informati. Non tutti consentono un facile accesso, alcuni sono molto e esclusivi, altri necessitano di prenotazione. Per fortuna, oggi, molti degli speakeasy hanno un sito web nel quale è possibile capire le modalità di ingresso.

Altra cosa da sapere è che i prezzi molto spesso sono leggermente più alti rispetto alla norma e la mancia consigliata è del 15-20 %. Questo lieve sovrapprezzo è, però, giustificato dalla magnifica esperienza che questo tipo di bar offre ai propri clienti e dall’impeccabile qualità dei drink. Ricordiamo inoltre che negli States occorre aver compiuto 21 anni per bere legalmente.

5 speakeasy da scoprire a New York City

 

1. Blind Barber

Indirizzo: 339 E. 10th Street, New York, NY 10009
Sito Web: blindbarber.com

 

Sicuramente un0 tra i più caratteristici è il Blind Barber. Questo locale segreto si nasconde dietro a un barber shop, esattamente come quello nel Grande Gatsby; era molto comune che nei negozi per barbieri si contrabbandassero alcolici durante il proibizionismo. Al Blind Barber non ci si limita solo a bere degli ottimi cocktail, durante le ore diurne è possibile persino darsi una spuntatina ai capelli. E’ necessaria la prenotazione online.

 

2. Apotheke

Indirizzo: 9 Doyers St, New York, NY 10079
Sito Web: apothekenyc.com

Questo Speakeasy si trova nei meandri di Chinatown, in un vicoletto nascosto. L’interno di questo non ha nulla a che vedere con la sua sporca e trasandata entrata: verrete deliziati con i cocktail più imprevedibili, serviti su ampolle e bizzarri contenitori, come se vi foste imbattuti nell’antico laboratorio di un alchimista. I camerieri sono vestiti con il camice e i cocktail, dalle strane proprietà, sono chiamati prescriptions. Proprio per questo e per il suo arredamento il locale si chiama Apotheke, dal tedesco farmacia. Il giorno ideale per una visita è il mercoledì, la serata a tema proibizionista, nel quale è richiesta una parola d’ordine per entrare.

 

3. Please Don’t Tell

Indirizzo: 113 St Marks Pl, New York, NY 10009
Sito Web: pdtnyc.com

Più che il locale in sé, la particolarità del PDT è quella di dover accedere da una cabina telefonica. Entrando al Crif Dogs, un fastfood di hot dog, e percorrendolo fino a raggiungerne il fondo troverete una cabina telefonica. Componendo il numero 1 potrete avere accesso al bar clandestino. I cocktail del posto sono davvero particolari e dai gusti insoliti. Da provare!

 

4. Death & Co

Indirizzo: 433 East 6th Street, New York, NY 10009
Sito Web: deathandcompany.com

Situato nella Lower East Side, ha come tutti gli altri speakeasy un ingresso anonimo e senza insegne. All’interno della buia entrata troverete un portiere che vi comunicherà se è possibile entrare o se il locale è pieno. Nel secondo caso è possibile lasciare il proprio numero e essere contattati in caso si liberi qualche posto. Il Death & Co non accetta prenotazioni. 

 

5. The Back Room

Indirizzo: 102 Norfolk Street,New York, NY 10009
Sito Web: backroomnyc.com

Forse una delle esperienza più complete è offerta dal Back Room, aperto sin dai tempi del proibizionismo, luogo di incontro di attori e personaggi celebri dei ruggenti anni ’20 e anche dei più temuti gangster. La particolarità del locale è quella di servire alcolici dentro alle tazze da tè, usanza tramandata da più di 80 anni. Il locale si trova dietro a un negozio di giocattoli e l’entrata è la stessa sin dalla prima apertura.

 

Scritto da
Ilaria Tobanelli
Vedi tutti i post
Scritto da Ilaria Tobanelli