yosemite, Parco Nazionale
Yosemite, Parco Nazionale
dove sei: Home » Parchi Usa da non perdere nel 2014

Parchi Usa da non perdere nel 2014

Se avete voglia di farvi un viaggio negli Stati Uniti entro il 2014, non dimenticatevi di visitare i parchi nazionali del Grand Canyon, del Glen Canyon, di Yosemite, di Yellowstone e di Denali.

Il Grand Canyon è un’enorme gola originatasi dal fiume Colorado nell’Arizona settentrionale. È lungo 446 chilometri circa, profondo fino a 1.600 metri e con una larghezza che va dai 500 metri ai 27 chilometri. Per la maggior parte è incluso nel parco nazionale del Grand Canyon, uno dei primi parchi nazionali degli Stati Uniti, e consta di due sponde, il South Rim, la Sponda Sud, dove si trovano tutti i servizi turistici e i panorami mozzafiato, e il più tranquillo North Rim, la Sponda Nord, che alto 2460 metri gode di temperature fresche che facilitano la crescita di fiori selvatici, pioppi e abeti rossi.

Il Glen Canyon è un canyon scavato dal fiume Colorado. Riconoscibilissimo grazie alle montagne e alle rocce di colore rosso fuoco, comprendenti la zona dove il fiume si ingrossa ed inizia a formare quello che più a sud è il bellissimo Lake Powell, lago artificiale usato per produrre energia elettrica.

Il Parco nazionale di Yosemite è un’area naturale protetta che fa parte della California, ed è situata sulla catena montuosa della Sierra Nevada. Il parco è visitato ogni anno da più di 3,5 milioni di persone. Yosemite è un parco ricco di straordinarie bellezze naturali, come altissime rupi, cascate spettacolari, alberi giganti e torrenti. È stato istituito parco nazionale il 25 settembre 1890. Il parco copre un’area pari a 3.081 km² e nel 1984 è stato anche proclamato Patrimonio dell’umanità dall’Unesco per le sue cime granitiche, le sue cascate, i ruscelli limpidi e le sequoie giganti. Fra le principali attrattive ci sono il Grizzly Giant, una sequoia alta 63,7 metri avente 1600/2000 anni, la Fallen Monarch, cioè il Re Caduto, una sequoia di 70 metri caduta in seguito ad una frana, che oggi mostra le sue radici dal diametro di 70 cm l’una, l’Half Dome, la più grande roccia granitica del mondo (2700 metri), El Capitan, roccia granitica alta circa 900 metri, considerata sacra dai Nativi Americani e meta per gli scalatori più esperti, le Yosemite Falls, che raggiungono anche i 700 metri di altezza e Glacier Point, punto panoramico a 2100 metri di altitudine.

Il Parco Nazionale di Yellowstone o Yellowstone National Park, che si trova nel Wyoming e sconfina per un piccolo tratto negli stati del Montana e dell’Idaho, occupando un’ampia zona delle Montagne Rocciose. Fondato nel 1872 e dal 1978 Patrimonio dell’Umanità, il parco si estende per 8.980 km² e la zona è attraversata da diversi corsi d’acqua, il più lungo dei quali è il fiume Yellowstone, da cui il parco prende il nome. Celebre per i numerosi geyser, le sorgenti calde (200 °C) che creano nei terreni attorno coni e terrazzi. L’esempio più famoso e impressionante è quello del Mammoth Hot Springs, dove sono sorti dei depositi che toccano i 90 metri. Il geyser più noto è “l’Old Faithful” o “Vecchio Fedele”. Sotto il parco di Yellowstone si nasconde un “supervulcano”, mentre in superficie si possono trovare vulcani di fango (mucchi di fine materiale roccioso bagnato da acque sorgive), le Tower Falls, cascate alte 40 metri, il Golden Gate Canyon e l’Obsidian Cliff, una formazione di ossidiana alta circa 50 metri. Per quanto riguarda invece gli animali presenti nel parco, ci sono il lupo grigio, il baribal, il bisonte americano, l’orso bruno, l’alce, il cervo mulo, il bighorn, il wapiti, la capra delle nevi, il puma, la lontra di fiume nordamericana, l’antilocapra, la celebre aquila di mare dalla testa bianca, simbolo degli Stati Uniti d’America, la lince e l’orso grizzly, simbolo di Yellowstone. Yellowstone aprì il 1° marzo del 1872 e diventò presto il parco nazionale più antico del mondo.

Il Parco Nazionale di Denali infine, il cui nome ufficiale è Denali National Park and Preserve, è il principale parco nazionale dell’Alaska e vi si trova il monte McKinley, che con i suoi 6194 metri è la più alta cima dell’America settentrionale. Il parco nazionale di Denali si estende per oltre 6.000.000 di acri (2.428.140 ettari) suddividendosi in tre unità distinte, il “Denali Wilderness”, area chiusa a qualunque tipo di caccia, il “Denali National Park”, che comprende i terreni aggiunti al parco nel 1980 e il “Denali National Preserve”, in cui sono permesse caccia e pesca. Il Denali ospita orsi neri e grizzly, alci e lupi, caribù, bighorn bianchi, linci, ghiottoni, coyote, volpi e castori, grifalchi, aquile reali, aquile con la testa bianca e rane silvestri. Infine, nel parco si trovano più di 650 specie di piante che producono fiori, accompagnate da muschi, licheni, funghi e alghe, senza contare che il parco è famoso per essere stato il luogo, in cui il nomade americano Christopher McCandless visse gli ultimi giorni della sua vita, descritta prima nel libro del giornalista Jon Krakauer intitolato “Nelle terre estreme”, e poi ripresa nel film “Into the Wild – Nelle terre selvagge” diretto da Sean Penn.

[divider]

[soliloquy id=”2655″]

photo credit:
brentdanley
Moyan_Brenn
Julie Edgley
dhilung
Charlie Stinchcomb
via photopin cc

Adoro viaggiare, soprattutto negli Stati Uniti che sono da sempre la mia meta preferita. Nel 2009 ho deciso di fondare myusa.it per aiutare tutti coloro che desiderano organizzare una visita negli USA!

Aggiungiti alla discussione