dove sei: Home » San Francisco: 14 cose da non perdere

San Francisco: 14 cose da non perdere

San Francisco, insieme a New York, è una delle mete preferite degli amanti degli USA, sia per la grande quantità di attrazioni che ospita, sia per la sua magica atmosfera. Una città viva, piena di colori, sapori e storia. Dalle Battaglie per i diritti civili, per le donne e gli omosessuali, alla Beat Generation e alla Summer of Love del ’67, periodo nel quale migliaia di giovani scelsero San Francisco come come sede per vivere negli ideali di pace, amore e libertà.  Situata nella parte meridionale della California, risiede nell’omonima penisola ed è caratterizzata da una forte attività sismica, vista la vicinissima faglia San Andreas. Altra grande particolarità di SF è quella di ospitare una grandissima varietà di etnie e culture, un vero e proprio Melting Pot che rende l’esperienza dei visitatori ancora più ricca e caleidoscopica.

Insomma, San Francisco è sicuramente una destinazione incredibile e imperdibile, ecco 14 cose da fare assolutamente:

 

  1. Fare un giro nel Cable Car

    Uno de simboli indiscussi della città sono i Cable Car, tipici autobus in legno su rotaie molto simili ai tram. Ci sono tre linee,  Powell-Hyde e Powell-Mason collegano il centro città al Fisherman’s Wharf e un’altra che percorre California Street, una delle vie principali di San Francisco. E’ possibile fare una carta Muni (San Francisco Municipal Railway) e viaggiare illimitatamente con i mezzi pubblici della città. Il viaggio può essere ancora più interessante se al posto di sedersi all’interno, ci si attacca all’esterno del mezzo.

  2. Percorrere Lombard Street


    Altro luogo imperdibile della città è Lombard Street, in particolare nel vertiginoso tratto di Russian Hill. Costruita negli anni 20′ per limitare la velocità, questa celebre strada a mattoncini è formata da 8 tornanti estremamente stretti, sui quali è praticamente impossibile andare veloce, ed è ornata da piante e fiori incantevoli. Non è necessario essere per forza dotati di un’auto per apprezzare  Russian Hill, anche a piedi è possibile attraversare il tratto grazie a delle scale laterali e fermarsi di tanto in tanto per scattare qualche foto.

  3. Godersi un po’ di relax a Sausalito

    Una bella gita fuori porta è quella a Sausalito. Situtata nella San Francisco Bay, non lontano dal Golden Gate Bridge, Sausalito sorprende con la sua calma e bellezza. Questo luogo è l’ideale, infatti, per concedersi una pausa dalla frenetica vita di San Francisco, passeggiare in spiaggia e godersi il sole, il mare e, perché no, una bella mangiata di pesce. La cittadina è molto carina e piena di splendide ville e ristorantini ed è possibile raggiungerla tramite traghetto partendo dal Pier 51 ( nei pressi Fisherman Wharf) o dal Ferry Building. Alternativa molto in voga è quella di noleggiare una bici e raggiungere la cittadina.

  4. Sentirsi un po’ hippie Haight-Ashbury

    Il quartiere di Haight Ashbury è situato tra Ashbury Street e Haight Street ed è il celebre luogo nel quale si stabilirono centinaia di hippie nella Summer of Love. Nonostante la Summer of Love sia terminata da un bel po’ di tempo, passeggiare per questo stravagante quartiere ci trasporta nei magici anni dei figli dei fiori. Incenso, colori e luci psichedeliche pervadono le vie, negozi vintage, di tatuaggi e piercing e dischi costellano il quartiere. Inoltre è immancabile una visita alle Painted Ladies, a circa mezz’ora a piedi dal quartiere, le fantastiche e coloratissime case in legno in stile vittoriano simbolo di San Francisco. Haight-Ashbury è un luogo davvero magico dove rivivere i mitici anni ’60

  5. Avere un’esperienza surreale a Alcatraz

    Sicuramente uno dei luoghi più inquietanti del mondo, Alcatraz offre la possibilità di essere visitata e conosciuta. Celebre per essere stato una delle più dure carceri di massima sicurezza, fu chiusa negli anni ’60, dopo quasi 30 anni di attività. Alcatraz era nota per le orribili condizioni nelle quali i carcerati era costretti a vivere, in celle singole per quasi la totalità della giornata, pochissime ore di aria e nulla da fare se non i due pasti giornalieri. Nonostante i 36 tentativi di evasione solo uno andò a buon fine, quello dei fratelli Frank e Anglin Morris, dei quali non vi è però notizia certa sull’effettiva sopravvivenza. Per visitare la prigione è necessario prenotare i biglietti del tour con largo anticipo, almeno qualche settimana prima, ed è possibile anche essere scortati da un ranger per una visita notturna. I traghetti per raggiungere l’isola partono dal Pier 33.

  6. Fare colazione da Mama’s

    Questo celebre ristorante si trova a Washington Square e offre colazioni buonissime in puro stile US e fantastici French Toast. Occhio però alle file chilometriche per entrarvi. Clicca qui per visitare il sito ufficiale di Mama’s.

  7. Fare una passeggiata a Fisherman’s Wharf

    Luogo imperdibile molto turistico è il Fishrman’s Wharf e i moli vicini. Nonostante agli inizi del ‘900 questo luogo fosse molto malfamato, dopo il terremoto del 190 divenne una passerella per famiglie. Oggi Fisherman’s Wharf è pieno di attrazione di ogni tipo, negozi e ristoranti  per ogni gusto. Al Pier 39 per i cinefili c’è il Bubba Gump Shrimp Co. dove è possibile mangiare le specilità della catena statunitense o fare una foto con le mitiche scarpe da corsa di Forrest Gump. Al molo 39 inoltre troverete una vera e propria attrazione della zona, i leoni marini. Questi simpatici animali passano le giornate spiaggiati sul molo.

  8. Percorrere il Golden Gate Bridge

    Il Golden Gate Bridge è davvero il simbolo numero uno di San Francisco e percorrerlo e ammirarlo è una cosa da fare assolutamente. Innanzitutto è bene sapere che se si è in auto si paga un pedaggio se lo si percorre da sud di 6 dollari, da nord è gratuito. Inoltre se si è in compagnia di altri due passeggeri è gratuito dalle 5 alle 9 e dalle 16 alle 18. Oltre al viaggio in macchina un altro modo per ammirare per percorrere il ponte è quello di noleggiare una bici da Fisherman’s Wharf, magari combinandolo con la visita a Sausalito. L’imponente ponte di San Francisco non deve essere solo percorso ma anche ammirato da alcuni punti strategici come da Marina Vista Point, uno dei panorami più suggestivi e celebri del Golden Gate Bridge. Altri luoghi sono Crissy Field, Baker Beach e Fort Point. Uno dei momenti più magici in cui immortalare il ponte è quando è circondato dalla nebbia, da non perdere!

  9. Vagare per Chinatown

    Come nella maggior parte delle città Chinatown merita una visita. Quella di San Francisco in particolare, è la più antica degli States. Attraversando il Dragon Gate, la porta che Taiwan donò alla città nel 1970, ci si immerge nel coloratissimo quartiere cinese. Le vie e i vicoli sono pieni di storia, stravaganti negozi, ristoranti e sono pervase da un’inconfondibile aria orientale. Sicuramente merita di farci un salto, magari anche durante la pausa pranzo.

  10. Visitare il Golden Gate Park

    Inaugurato negli anni 60′, il Golden Gate Park è uno dei luoghi più sorprendenti della città. Al suo interno è possibile immergersi nel verde, ascoltare musica al Music Concourse, visitare l’ MH de Young Memorial Museum e molto altro. Ciò che rende unico questo parco è proprio il riuscir a contenere, nei suoi 4.1 Kmq, un enorme quantità di attività e attrazioni. Imperdibile ad esempio è il giardino del tè giapponese: grazie alle piante, cascate ed edifici vi sembrerà di essere stati teletrasportati in Giappone. Altro luogo che merita una visita è il National AIDS Memorial Grove, in onore delle vittime dell’AIDS di cui, purtroppo, San Francisco fu testimone.

  11. Capire meglio San Francisco con una visita a Castro

    La storia di San Francisco vanta delle maggiori battaglie per i diritti umani, in particolare quella LGBT. Castro ne è uno dei luoghi più importanti. Passeggiando per le vie del quartiere sede della comunità omosessuale della città, subito si percepisce quanto questo luogo sia stato fondamentale nella storia di SF, e quanto sia sacro per tutti coloro che sperano in un mondo migliore, dove le differenze e i diritti di tutti siano rispettati. Figura celebre del quartiere è Harvey Milk, primo politico omosessuale dichiarato che devolse tutta la vita alla lotta alle intolleranze e alla discriminazione. Inoltre il quartiere è molto carino, le abitazioni sono in stile vittoriano e dai colori pastello. Castro rappresenta un luogo chiave della storia di San Francisco, degli Usa e di tutto il mondo.

  12. Mangiare un gelato a Ghirardelli Square

    L’ex fabbrica di cioccolato a mattoncini rossi Ghirardelli Chocolate Factory è oggi un grandissimo centro commerciale ricco di negozi e ristoranti. Al suo interno troverete un luogo che fa davvero impazzire grandi e piccoli, il Ghirardelli Soda Fountain & Chocolate Shop. Qui potrete prendere coppe di gelato di ogni gusto e dimensione. È possibile che vi sia un po’ di fila per entrare, ma scorre abbastanza veloce e ne vale davvero la pena.

  13. Avventurarsi nella Muir Woods

    Luogo che molto spesso viene dimenticato è la foresta protetta di Miur Woods che prende il nome dal celebre naturalista John Miur. La foresta riesce ad incantare con la sua aurea quasi magica, questo grazie alle sue  sequoie sempre verdi che sembrano quasi raggiungere il cielo facendo penetrare solo alcuni raggi di luce. Grazie alla grande vicinanza con il centro città, visitare l’area non risulterà complesso.

  14. Immergersi nella Beat Generation a North Beach

    Conosciuto anche come Little Italy il quartiere di North Beach è uno dei quartieri più celebri, grazie alla Summer of Love e alla Beat Generation, e alla moda. Ricco di locali è il centro della vita notturna, le strade della zona sono costellate di caffè e librerie, testimoni dell’avvento della Beat Generation, in particolare la City Lights, famosissima libreria, e il Caffè Vesuvio. Altro luogo degno di visita è la cattedrale dei Santi Pietro e Paolo a Washington Square, nei pressi del sopracitato ristorante Mama’s.